I migliori monitor 144hz: la classifica definitiva

Una volta finita la tua configurazione hai bisogno di un monitor che dia giustizia al tuo pc.

Non un monitor qualunque, uno di quelli che mostri tutta la potenza della tua scheda video.

Oppure, hai visto la classifica dei monitor economici e non ti soddisfano.

Ecco, ora ti mostrerò dei monitor spettacolari, che hanno qualcosa che gli altri non hanno.

Ecco per te la classifica dei migliori monitor 144hz!

Sei pronto? Iniziamo!

I migliori monitor gaming 144hz: la classifica definitiva

Migliori monitor 144hz gaming

Per aiutarti ti lascio qui l’indice dell’articolo: puoi spostarti sopra e sotto cliccando su una qualsiasi voce!

Come scegliere un monitor 144hz
La classifica definitiva dei monitor

Ecco invece quali sono i monitor che andremo a recensire!

Acer GN246HLBprezzo/ recensione
Asus VG248QEprezzo/ recensione
Samsung C24FG70prezzo/ recensione
BenQ ZOWIE XL2720prezzo/ recensione
Acer XG270 Predator Huomidpxprezzo/ recensione
BenQ EX3200Rprezzo/ recensione
BenQ XR3501prezzo/ recensione
Acer Predator XB271HUprezzo/ recensione

Come scegliere un monitor da gaming 144hz

Adesso vedrai le seguenti caratteristiche analizzate una per volta:

  1. Pannello
  2. Risoluzione
  3. Refresh
  4. G-Sync e Free-Sync
  5. Ghosting
  6. Aspect Ratio

1 – Pannello: scegli quello adatto ai tuoi gusti

Esistono due tipi principali di pannelli: IPS e TN.

Il pannello TN, solitamente, è più economico e più utilizzato, ha una resa di colori minore rispetto alla sua controparte, ma questo pannello può raggiungere tempi di risposta di 1ms.

Ciò significa che il monitor non avrà alcun ritardo nel generare i pixel, e questa è una cosa molto utile qualora tu sia un giocatore di FPS. C’è anche da dire, però, che se non sei un gamer accanito, probabilmente non noterai alcuna differenza tra un tempo di risposta di 1ms e 5ms.

I pannelli IPS, invece, hanno una resa di colori nettamente migliore, da qualunque angolazione, ma hanno tempi di risposta più lunghi, e quindi c’è un minimo di ritardo nella generazione dei pixel.

Ripeto, solo un occhio attento noterà la differenza.

E’ meglio un pannello più veloce ma con colori più scadenti, o uno con colori più accesi ma leggermente più lento? Come ho anticipato prima, questione di gusti.

Ricorda, inoltre, che i pannelli non sono prodotti standard: un pannello TN su un monitor da 1000 euro è diverso da un pannello TN su un monitor da 200 euro; lo stesso vale per gli altri pannelli.

In breve:

  • Pannello TN: più veloce ma con colori più “finti”
  • Pannello IPS: più lento ma con colori brillanti e naturali

2 – Risoluzione: scegli quella più adatta alla tua GPU

Non mi soffermo molto su questa caratteristica perché sono sicuro che la conosci.

Ma qui stiamo parlando di monitor 144hz, quindi stai molto attento.

Una 1060 è un requisito minimo per giocare in Full HD a 144hz, con dettagli non al massimo.

Ti consiglio quindi di comprare uno di questi monitor se hai almeno una 1070 o se in futuro hai intenzione di comprarne una.

Vedere un monitor 144hz non sfruttato non è una bella cosa.

La risoluzione più utilizzata è il full HD (1920X1080). Esistono monitor con risoluzione 2K (2560×1440) e 4K (3840×2160), ma attenzione:

  • Ricorda: che è il tuo computer che deve muovere le immagini sul monitor, per cui è inutile prendere un monitor 4K se la tua configurazione non consente di arrivarci.

3 – Refresh: 60Hz o 144Hz?

Oggi parliamo di Monitor 144hz, ma che differenza c’è?

Il refresh è un parametro da tenere in considerazione qualora tu abbia una scheda video performante.

Esso indica la frequenza massima alla quale il monitor si aggiorna in un secondo, quindi il numero di volte in cui l’immagine si aggiorna ogni secondo.

Per esempio, un monitor a 60Hz si aggiorna 60 volte in un secondo.

Perché è da tenere in considerazione?

Per il semplice fatto che, se (per esempio) la tua scheda video genera 100 FPS ma il tuo monitor ha un refresh di 60Hz, quest’ultimo non riuscirà a stare al passo con la GPU e sovrapporrà più frame, e avrai l’effetto di un’immagine tagliata (tearing)

Quindi, volendo dire il tutto in maniera semplice, il refresh deve essere superiore al numero di FPS generati (durante le tue sessioni di gioco), altrimenti sarai costretto a limitare il numero di FPS.

Questo vale però se il numero di FPS è molto più alto del refresh; se, per esempio, generi 70 FPS e hai un monitor a 60Hz, non vale la pena passare ad uno a 144Hz, tanto vale impostare 60 FPS massimi.

4 – FreeSync e G-Sync: sincronizza monitor e GPU

Questa due tecnologie, prodotte rispettivamente da AMD e NVIDIA, consentono al monitor e alla scheda video di sincronizzarsi.

In pratica, nel momento in cui la scheda video ha un frame rate variabile, il monitor si sincronizzerà con essa, evitando che più frame si sovrappongano (tearing).

Dunque, queste due tecnologie sincronizzano le immagini del refresh rate del monitor con le produzioni di FPS della scheda video.

Come forse avrai intuito, la tecnologia FreeSync funziona solo con schede video AMD, mentre G-Sync con solo schede video NVIDIA.

5 – Ghosting: il fantasma dell’immagine

Il ghosting è quell’effetto “scia” , più precisamente quella visualizzazione offuscata degli oggetti in movimento.

Immagina di scattare una foto ad un oggetto in movimento; la foto risulta sfocata, giusto? La stessa cosa vale per il ghosting.

E’ un problema che si presenta in rari casi con i monitor da gaming, in quanto questi hanno tempi di risposta molto veloci.

Persino un monitor da gaming con pannello IPS, con i suoi tempi di risposta più lenti rispetto a un pannello TN, non ha questo problema, o almeno non lo noterai.

Nei monitor citati a seguire, nessuno presenta questo problema.

6 – Aspect Ratio: 16:9 o 21:9?

L’aspect Ratio indica il rapporto tra la larghezza e l’altezza del monitor.

Per capire bene la differenza tra 16:9 e 21:9 guarda qui.

Avrai capito che 21:9 è semplicemente più largo.

I monitor in 16:9 sono quelli più ampiamente utilizzati, quelli 21:9 sono molto diffusi in ambito lavorativo, ma da qualche anno si stanno diffondendo anche in ambito gaming!

Sta sempre a te scegliere: tieni conto che, se sei un giocatore di FPS, utilizzando un monitor in 21:9, difficilmente riuscirai ad inquadrare tutta la visuale senza muovere gli occhi, a meno che il monitor non sia curvo.


La classifica dei migliori monitor da gaming 144hz

Bene, sai come scegliere il tuo monitor ora, ma passiamo alle cose serie.

Ora scoprirai quali sono i monitor 144hz da acquistare a seconda del tuo budget!

1) Acer GN246HLB: il miglior monitor 144hz economico

In breve:

  • Risoluzione full HD
  • Aggiornamento 1ms – TN
  • 24 Pollici
  • 16:9

Se la tua scheda video non ti consente di andare oltre la risoluzione full HD, ma genera molti FPS, puoi benissimo acquistare questo monitor.

Sicuramente non è un top di gamma, ma dipende sempre tutto, appunto, dalla scheda video.

Se sei un giocatore di FPS vedrai che apprezzerai il pannello TN per la velocità, un po’ meno per i colori.

Consiglio l’acquisto a chi non può andare oltre il full HD e gioca a più di 60 FPS.


2) Asus VG248QE

In breve:

  • Risoluzione full HD
  • Aggiornamento 1ms – TN
  • 24 Pollici
  • 16:9

Questo monitor lo considero una valida alternativa al precedente; quanto a caratteristiche, siamo sugli stessi livelli, solo che questo qui ha i colori un po’ più ottimizzati nonostante sia un TN.

Oltretutto, per alcuni il marchio Asus è una garanzia, specie in fatto di monitor, ed è per questo che è sempre utile fornire un’alternativa Asus economica.

Anche in questo caso, consiglio l’acquisto a chi non può andare oltre il full HD e gioca a più di 60 FPS.


3) Samsung C24FG70

In breve:

  • Risoluzione full HD
  • Aggiornamento 1ms – VA
  • 24 Pollici – curvo
  • 16:9

Tra i vari monitor full HD a 144Hz voglio introdurne uno curvo.

Grazie alla curvatura, sarai in grado di inquadrare più facilmente tutto il monitor, senza spostare gli occhi, in modo tale da giocare con meno stress.

Diciamo che su un monitor da 24 pollici non è una cosa indispensabile, ma può essere comunque comodo e  rilassante, ma sappi che dovrai abituarti.

Avrai notato che questo è il primo monitor che cito dotato di un pannello diverso da TN; il pannello VA raccoglie i pregi degli IPS e TN e li mette insieme, dando vita ad un monitor con una bella resa di colori e con una velocità di aggiornamento pari a 1ms (in questo caso).

Tuttavia, un occhio esperto può notare delle stranezze quando si passa dal chiaro allo scuro; se sei un “principiante” non lo noterai nemmeno.

Grazie alla modalità “eye saver” ridurrai l’affaticamento degli occhi.

Chi possiede una GPU AMD può usufruire della tecnologia free-sync, per ridurre l’effetto del tearing.

Consigliato a chi vuole un compromesso tra IPS e TN e chi vuole cimentarsi nel mondo dei monitor curvi.


4) BenQ ZOWIE XL2720

In breve:

  • Risoluzione full HD o 2k
  • Aggiornamento 2ms – TN
  • 27 Pollici
  • 16:9

Passiamo ora ad un modello BenQ, ampiamente utilizzato nel competitive.

Questo monitor è dotato di un pannello TN, che, in questo, ha una bella resa di colori(se comparato con i precedenti) e tenendosi comunque su bassi tempi di aggiornamento (2ms).

La differenza tra 2ms e 1ms è veramente impercettibile.

Il monitor in questione, inoltre, è dotato di tecnologia eQualizer, la quale aumenta la visibilità nelle zone scure, senza risaltare troppo quelle illuminate, in modo tale da uccidere anche i nemici nascosti negli angoli più bui della mappa!

Consigliato a chi non si accontenta del solito Acer, Samsung o quant’altro.

Sono disponibili più risoluzioni di questo monitor, e troverai addirittura una versione da 240hz.

Trovi tutto cliccando il bottone rosso qui sotto 😉


5) Acer XG270 Predator Huomidpx

In breve:

  • Risoluzione 2K
  • Aggiornamento 1ms –  TN
  • 27 Pollici
  • 16:9

Per chi vuole cimentarsi nel mondo dei “super-monitor” con risoluzione 2K consiglio di dare uno sguardo a questo qui.

La risoluzione 2K, che è raggiungibile in gioco senza troppi compromessi, ti farà dimenticare il vecchio full HD.

Tieni conto del pannello TN, con alte risoluzioni può non rendere quanto un IPS. Ricordate sempre la questione del “gamer accanito”

Grazie al filtro della luce blu e alla riduzione dello sfarfallio, la vostra vista si affaticherà di meno; utile per le lunghe sessioni di gioco.

Monitor ottimizzato per chi ha una GPU AMD, grazie alla presenza della tecnlogia Free-Sync.

Per cominciare con risoluzione 2K, questo è sicuramente un buon monitor. Inutile dire che c’è di meglio, perché lo sai già;  però, questo dispositivo consente di approcciare con il mondo del 2K senza troppi compromessi.


6)  BenQ EX3200R

  • Risoluzione full HD
  • Aggiornamento 4ms – VA
  • 32 Pollici – curvo
  • 16:9

Ritorniamo sul marchio BenQ con un prodotto di qualità.

Questo monitor lo consiglio a chi vuole “pompare” col full HD.

Il dispositivo ha un’ottima resa di colori (con una minima latenza), ed è ottimizzato per il gaming, per l’ufficio e per la visione di film!

Questo perché, oltre alla notevole resa di colori, il monitor è dotato di tecnologia “eye saver” che ti consentirà di giocare per ore senza accusare il minimo fastidio!

Inoltre, grazie alla modalità cinema, il monitor effettuerà tutte le dovute ottimizzazioni al fine di rendere la visione di un film veramente ottima!

Con un monitor da 32 pollici la curvatura è un bene, se non ci fosse avresti dei problemi ad inquadrare tutta la visuale del tuo gioco preferito.

Questo monitor, in più ai precedenti, è dotato di un sensore di luminosità, il quale regolerà automaticamente la luminosità a seconda della luce dell’ambiente; è anche possibile disattivarlo e regolare il tutto manualmente.

Consiglio questo monitor a chi vuole tenersi sulla risoluzione full HD e vuole pompare al massimo i vari filtri. Credimi, resterai a bocca aperta!


7) BenQ XR3501

In breve:

  • Risoluzione full HD 
  • Aggiornamento 4ms – VA
  • 35 Pollici – curvo
  • 21:9

Giusto per citare anche un monitor 21:9 ho pensato sempre al marchio BenQ.

I monitor in questione li ritengo perfetti per i giochi di macchine; non a caso, questo monitor presenta un settaggio pre-impostato chiamato “Car racing mode” in modo tale che il display effettui le dovute ottimizzazioni automaticamente, adattandole a qualunque gioco di corsa!

Sono presenti due ulteriori settaggi, “FPS1” e “FPS2”, per i giocatori di FPS più accaniti.

Anche questo monitor è dotato di tecnologia Black eQualizer. Non può mancare la “protezione” per gli occhi.

Tieni anche conto delle dimensioni, 35 pollici non sono pochi, ma un 21:9 non può essere troppo piccolo; la curvatura di aiuterà.


8) Acer Predator XB271HU

In breve:

  • Risoluzione 2K
  • Aggiornamento 4ms – IPS
  • 27 pollici
  • 16:9

Se hai bisogno di un monitor 2K con un pannello IPS dall’ottima resa di colori e con g-sync, eccoti servito. Ti serviranno soldi, sì, ma ne vale la pena.

C’è una bella differenza se monitor e GPU sono sincronizzati. Te ne accorgerai subito se non hai mai provato.

Inutile dire che il monitor è dotato di tecnologia Eyeprotect, lo avrai già intuito guardando il prezzo.

Nelle impostazioni di questo monitor potrai creare tre profili personalizzati settando precise regolazioni di colore per garantire un alto livello di accuratezza.

Consiglio questo monitor a chi vuole giocare con risoluzione 2K, sincronizzato con GPU, e a chi cerca una resa di colori veramente ottima con un po’ di latenza.


Conclusioni: che monitor devo acquistare?

Acquistare un monitor non è molto difficile. Per prima cosa, devi tener conto della tua GPU e delle risoluzioni che può reggere.

Se hai una GPU che regge, ad esempio, il 2K(senza troppi compromessi, però), io stesso punterei su un monitor con quella risoluzione , e anche se non dovessi avere il budget necessario, lo accumulerei, e nel frattempo arrangerei con qualcos’altro.

Se la tua GPU è adatta al full HD e non oltre, allora è ovvio che dovrai acquistare monitor con quella risoluzione.

Poi dovrai decidere quale pannello ti affascina di più, e poi l’aspect ratio.

Stabiliti questi 3 punti, il cerchio si restringe di molto, basta guardare il tuo budget per tirare le somme.

Insomma, scegliere un monitor è facile: basta guardare la propria GPU e poi seguire i propri gusti.

2 thoughts on “I migliori monitor 144hz: la classifica definitiva

  1. Ciao,
    complimenti per il tuo lavoro, personalmente per hardware e periferiche sei il mio punto di riferimento grazie alla tua estrema chiarezza e competenza.
    Ho tuttavia notato una sempre meno frequenza del rilascio delle tue recensioni e configurazioni. Abbiamo sempre “fame” di nuovi articoli e recensioni 🙂 .
    Un saluto.

    1. Ciao Ludovico, grazie per le tue parole. Effettivamente ho abbassato il tiro ultimamente, ma prometto di tornare alla grande!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *